Magnetoterapia con gesso

magnetoterapia con gesso
Condividi quest'articolo

Sommario articolo

Nonostante l’apparente inefficacia della magnetoterapia con gesso, è ormai pacifico che si possa eseguire la magnetoterapia anche attraverso il gesso.

Anzi, ad oggi, è consigliato iniziarla anche in presenza del gesso, così che si possa facilitare la formazione del callo osseo e andare a consolidare la frattura al meglio e in tempi più rapidi.

La magnetoterapia non genera calore ed è proprio per questo motivo che il suo utilizzo è possibile anche in presenza di gesso o di sintesi in titanio interne, come le protesi all’anca o le protesi al ginocchio.

Dunque, i campi elettromagnetici pulsati, o CEMP, a bassa frequenza possono e devono essere applicati come magnetoterapia con gesso già nel corso del periodo di immobilizzazione dell’arto con il gesso o con il tutore, che si tratti di articolazioni metacarpo falangee, articolazione del gomito o articolazione della spalla.

Quando saranno rimossi il gesso o il tutore, potrà passarsi dalla magnetoterapia con gesso ad una magnetoterapia diretta, a cui sarà possibile abbinare anche degli esercizi attivi domiciliari.

Magnetoterapia a cosa serve

magnetoterapia gesso

La magnetoterapia viene utilizzata molto di frequente per una serie di patologie, in particolar modo in caso di fratture e di ritardo nella formazione del callo osseo.

Questa applicazione ha dato risultati rilevanti, aiutando a ridurre i tempi di guarigione e di ripresa delle attività.

Infatti, la terapia a base di campi elettromagnetici pulsati penetra a fondo nelle cellule e contribuisce fino al 50% in più ad accelerare la formazione del callo osseo riparativo.

Sono molti gli studi a sostegno dell’utilizzo dei campi elettromagnetici pulsati nel trattamento di patologie a carico dell’osso.

Infatti, la magnetoterapia con gesso e senza interviene sul ritardo del consolidamento osseo e della cicatrizzazione, su fratture e microfratture.

Inoltre, questa presenta effetti benefici anche nel trattamento di osteoporosi, contusioni, edema spongioso o edema osseo, traumi ossei, osteocondrite, osteonecrosi e in seguito ad innesto, reimpianto e revisione di protesi articolari, in quanto ne favorisce il consolidamento.

Magnetoterapia con gesso benefici

In caso di fratture, la magnetoterapia viene applicata a bassa frequenza e ad alta intensità: in questo modo, vengono stimolati gli osteoblasti, ossia le cellule che producono tessuto osseo; inoltre, grazie all’effetto diretto sulle fibre di collagene, viene incrementata l’attività di riassorbimento osseo da parte degli osteoclasti.

L’osteogenesi accelera la formazione del callo osseo e stimola la riparazione delle fratture, l’azione sui tessuti organici accelera i processi di scambio ionico a livello della membrana cellulare, favorendo in questo modo il metabolismo delle cellule.

La magnetoterapia CEMP aumenta l’irrorazione vascolare, la mineralizzazione e la resistenza ossea e rallenta il processo di riduzione della densità ossea dovuto all’osteoporosi.

Aumentando la produzione di endorfine, il dolore dovuto all’infiammazione si riduce e si verifica un riassorbimento degli edemi, attraverso il drenaggio dei liquidi.

Articoli che potrebbero interessarti
apparecchi per magnetoterapia
Apparecchi per magnetoterapia

È importante saper distinguere tra le diverse tipologie di apparecchi per magnetoterapia e, soprattutto, è consigliato rivolgervi al vostro medico, prima di procedere all’acquisto o al noleggio di qualunque apparecchiatura.

Leggi di più »
Testimonianze

Offerta Riservata

1 mese di noleggio a soli 97 Euro

Affrettati questo mese abbiamo una disponibilità limitata

Giorni
Ore
Minuti
Secondi

Richiedi maggiori informazioni